Demo
Il settore e-commerce della moda: trend e statistiche

Il settore e-commerce della moda: trend e statistiche


CONDIVIDI

Twitter Share Link Facebook Share Link Linkedin Share Link

In questo articolo approfondiremo trend e statistiche interessanti registrati negli ultimi anni riguardo il settore e-commerce della moda.

A partire dal monitoraggio di 71 066 497 conversioni e percorsi di acquisto online di oltre 150 clienti nel settore e-commerce della moda tra i più conosciuti al mondo, SaleCycle fornisce un’analisi approfondita dei trend e delle statistiche del mercato di riferimento con l’obiettivo di generare nuove opportunità di business, rafforzare la tua strategia e-commerce e prepararti al meglio per il prossimo anno fiscale.

Per dettagli e insight più approfonditi, dai un’occhiata al nostro report su trend e statistiche del settore e-commerce della moda per il 2022 che potrai scaricare gratuitamente.

Nello specifico, in questo articolo andremo ad approfondire il volume di traffico e vendite online, il tasso di abbandono dei carrelli, il valore medio degli ordini, statistiche di e-mail marketing e molto altro.

Monitorare le statistiche chiave di settore e capire in profondità il comportamento di navigazione e acquisto degli utenti ti aiuterà a realizzare campagne più targetizzate e ingaggianti e analizzare in modo più esaustivo i KPI relativi alle performance di marketing del tuo e-commerce, permettendoti allo stesso tempo di fare benchmarking delle tue campagne in modo efficace e ottimizzare la tua strategia di marketing.

Una panoramica globale del settore e-commerce della moda nel 2021/2022

Di seguito una panoramica di trend e statistiche del settore e-commerce della moda raccolti nel 2021 e 2022 a livello globale prendendo in considerazione le seguenti categorie:

  • Accessori
  • Outerwear
  • Loungewear
  • Lingerie

Trend relativi al traffico e alle vendite online

Volume del traffico online su base mensile

All’inizio dell’anno possiamo notare una forte crescita del traffico online nel settore e-commerce della moda, con i tassi più elevati registrati a gennaio. Questo trend è una diretta conseguenza di alcuni tra gli eventi promozionali più importanti dell’anno come la stagione natalizia o i saldi invernali. Novembre, invece, è il secondo mese con i volumi più elevati di traffico online in quanto è il periodo dell’anno che raggruppa la maggior parte delle ricorrenze e-commerce più popolari come il Black Friday, il Cyber Monday, il Giorno dei Single e il Natale nel mese successivo. 

L’andamento generale del traffico online risulta essere costante da aprile a luglio, per poi diminuire progressivamente fino a settembre. Il comportamento online degli utenti nel settore e-commerce della moda è fortemente influenzato dalla stagionalità.

SaleCycle: volume del traffico online su base mensile nel settore e-commerce della moda.
SaleCycle: volume del traffico online su base mensile nel settore e-commerce della moda.

Percentuali di vendite online per dispositivo

La user experience da dispositivo mobile sta diventando sempre più fluida e semplice quando si tratta di acquistare articoli di moda online. Grazie a funzioni che semplificano l’esperienza di acquisto (come i pulsanti di Call-To-Action “wishlist” o “salva per dopo”), combinate con un’ampia gamma di opzioni di pagamento durante il processo di checkout, non c’è da stupirsi che la maggior parte degli utenti completi il percorso di acquisto dal proprio cellulare.

Questo trend è in costante aumento sia nel settore e-commerce della moda e fast fashion sia in quello del lusso. In entrambi i settori, infatti, le vendite online registrate da dispositivi mobili sono nettamente superiori rispetto a quelle da desktop. 

SaleCycle: percentuali di vendite online per dispositivo nel settore e-commerce della moda vs lusso.
SaleCycle: percentuali di vendite online per dispositivo nel settore e-commerce della moda vs lusso.

Statistiche sull’abbandono del carrello

Tasso di abbandono del carrello per dispositivo

Nel settore e-commerce della moda la stragrande maggioranza del traffico e delle vendite online proviene dai dispositivi mobili. Anche i KPI relativi all’e-mail marketing risultano essere migliori da smartphone. Tuttavia, a numeri più alti e performance migliori da dispositivo mobile corrispondono anche tassi di abbandono del carrello maggiori rispetto al desktop.

Mettendo a confronto il 2021 con il 2022 possiamo però notare che i tassi di abbandono del carrello sono diminuiti sia da dispositivo mobile che da desktop di circa l’1%, testimoniando così un miglioramento nelle soluzioni per il recupero dei carrelli abbandonati nel settore e-commerce della moda.

SaleCycle: tasso di abbandono del carrello per dispositivo nel settore e-commerce della moda.
SaleCycle: tasso di abbandono del carrello per dispositivo nel settore e-commerce della moda.

Tasso di abbandono del carrello per regione

Il Nord America è caratterizzato dai tassi di abbandono più elevati, seguito da APAC. L’Europa, invece, presenta i tassi di abbandono più bassi con una percentuale poco più elevata dell’83%.

SaleCycle: tasso di abbandono del carrello per regione nel settore e-commerce della moda.
SaleCycle: tasso di abbandono del carrello per regione nel settore e-commerce della moda.

Statistiche sull’e-mail marketing

Tassi di apertura, clic e conversione per dispositivo

In linea generale, il tasso di conversione totale delle e-mail di marketing nel settore e-commerce della moda è soddisfacente, con solo il 9% dei consumatori che mediamente aprono le e-mail senza però generare una conversione.

SaleCycle: tassi di apertura, clic e conversione delle e-mail di marketing per dispositivo nel settore e-commerce della moda.
SaleCycle: tassi di apertura, clic e conversione delle e-mail di marketing per dispositivo nel settore e-commerce della moda.

Tassi medi di apertura, clic e conversione in relazione alle categorie di prodotto

Nell’analisi dei dati relativi all’e-mail marketing abbiamo preso in considerazione i tre principali mercati dell’e-commerce, nonché Europa, Nord America e APAC.

Abbiamo poi suddiviso i dati raccolti nelle 4 principali categorie di prodotto, in modo che le aziende che lavorano con almeno una di queste categorie possano utilizzare i risultati per fare benchmarking.

Accessori
(Borse, Berretti, Cinture, Occhiali, Gioielli, Mascherine, Sciarpe) 

  • Tasso medio di apertura: 31,34%
  • Tasso medio di clic: 20%
  • Tasso medio di conversione: 25,63%

Outerwear 
(Camicetta, Body, Cardigan, Cappotto, Abito da donna, Camicia, Giacca, Jeans, Felpa, Tuta, Gonna, T-Shirt, Tank Top, Pantaloni) 

  • Tasso medio di apertura: 29,1%
  • Tasso medio di clic: 21,58%
  • Tasso medio di conversione: 25,12%

Loungewear
(Felpa con cappuccio, Jogger, Pigiama, Pantofole, Calzini, Felpa senza cappuccio)

  • Tasso medio di apertura: 29,93%
  • Tasso medio di clic: 20%
  • Tasso medio di conversione: 28,25%

Lingerie
(Reggiseno, Pantaloncini, Collant, Mutande, Canottiera) 

  • Tasso medio di apertura: 27,69%
  • Tasso medio di clic: 18,65%
  • Tasso medio di conversione: 28,76%

Il mercato e-commerce della moda a livello globale

Secondo Statista, il mercato e-commerce della moda a livello globale valeva 533$ miliardi nel 2018 e si prevede che raggiungerà gli 872$ miliardi entro il 2023. Questo trend testimonia lo sviluppo esponenziale del settore così come la crescente necessità e domanda delle persone di fare shopping online come conseguenza diretta della pandemia di Covid-19.

L’abbigliamento femminile è stata una delle categorie più vendute nel settore e-commerce della moda, con gli Stati Uniti che hanno generato una percentuale di vendite di valore pari a 182$ miliardi, di cui 86$ miliardi sono stati registrati dalla categoria di abbigliamento maschile. L’abbigliamento sportivo è valutato 353,5$ miliardi a livello globale ed è una categoria che è cresciuta molto recentemente. La pandemia, infatti, ha influito in modo significativo sulle abitudini di acquisto e la quotidianità delle persone. Per approfondire ulteriormente l’impatto che il Covid-19 ha avuto sul settore e-commerce, scarica gratuitamente il nostro report su trend e statistiche dell’e-commerce nel 2021.

Statista: il valore delle vendite nel settore e-commerce della moda a livello globale.
Statista: il valore delle vendite nel settore e-commerce della moda a livello globale.

Una panoramica globale del settore e-commerce della moda nel 2020/2021

Volume di vendite e traffico per dispositivo nel settore e-commerce della moda

Nel corso degli ultimi 10 anni, il comportamento di navigazione e acquisto degli utenti nel settore e-commerce della moda si è evoluto e modificato. Al giorno d’oggi le transazioni digitali in questo mercato di riferimento sono ormai aumentate in modo significativo, così come il volume di sessioni online e di vendite finalizzate da dispositivo mobile. Solitamente, la percentuale di conversioni e vendite registrate da dispositivo mobile è minore, ma il settore e-commerce della moda ha prodotto risultati positivi sotto questo aspetto. Infatti, secondo i dati raccolti internamente dal nostro team di ricerca nel 2020/2021 monitorando oltre 150 clienti, il 66% delle vendite online è stato generato proprio da smartphone, così come il 76% del traffico online.

SaleCycle: percentuale di traffico e vendite per dispositivo nel settore e-commerce della moda.
SaleCycle: percentuale di traffico e vendite per dispositivo nel settore e-commerce della moda.

Il settore e-commerce della moda e il SEO

Il report di PI Datametrics – piattaforma di ricerca, raccolta e analisi di dati e trend nell’ambito del digital marketing a livello globale – sui leader di mercato su Google nel settore e-commerce della moda durante il terzo trimestre del 2021, mostra Next – brand britannico di abbigliamento – come il sito web meglio indicizzato nei risultati organici di ricerca nel Regno Unito in relazione a parole chiave riguardo la moda.

PI Datametrics: siti web nel settore e-commerce della moda con la maggiore share of voice nel Regno Unito.
PI Datametrics: siti web nel settore e-commerce della moda con la maggiore share of voice nel Regno Unito.

Negli Stati Uniti, invece, Amazon occupa il primo posto nei risultati di ricerca, registrando una share of voice del 12.12%. Al secondo posto troviamo Macy e nella top 20 appaiono anche Wikipedia e Pinterest. Questo trend ci suggerisce che i siti e-commerce di moda devono ancora lavorare molto sulle proprie strategie SEO per migliorare la propria indicizzazione su Google.

PI Datametrics: siti web nel settore e-commerce della moda con la maggiore share of voice negli Stati Uniti.
PI Datametrics: siti web nel settore e-commerce della moda con la maggiore share of voice negli Stati Uniti.

In Italia, invece, secondo una ricerca di Semrush sulle 50 statistiche e-commerce più significative per il 2020, tra i siti e-commerce di moda più popolari in Italia il leader è il brand francese Bonprix con 1,6 milioni di visite mensili. La top 10 si chiude con tre brand italiani: OVS, Calzedonia e Tezenis, ciascuno con un traffico mensile che supera il mezzo milione di visite.

Semrush: siti web nel settore e-commerce della moda con la maggiore share of voice in Italia.
Semrush: siti web nel settore e-commerce della moda con la maggiore share of voice in Italia.

I trend legati al traffico online nel settore e-commerce della moda

Ogni settore registra picchi di traffico, vendite e attività online in diversi momenti dell’anno. Nel settore e-commerce della moda, per esempio, ciò avviene durante i mesi estivi e la stagione dei festival e, soprattutto, durante i periodi promozionali più intensi, come il Black Friday, il Cyber Monday o il Natale. A tal proposito, inviare e-mail di promemoria con riepilogo dei prodotti visualizzati quando prevedi di registrare volumi di traffico elevati, integrandole anche con suggerimenti di cross-selling e upselling, è una tattica efficace per raccogliere una quantità maggiore di dati sul comportamento di navigazione degli utenti che ti torneranno utili per pianificare altre attività di marketing. Le nostre ricerche e statistiche confermano l’efficacia delle e-mail di riepilogo degli articoli visualizzati: hanno un tasso di apertura e un CTR rispettivamente maggiori dell’80,9% e del 50,5% rispetto alle e-mail tradizionali, con il 26% dei visitatori che clicca sul link all’interno dell’e-mail che riconduce al sito.

Prendere in considerazione i picchi stagionali tipici del settore e-commerce della moda è un aspetto fondamentale nella pianificazione della tua strategia di ottimizzazione del tasso di conversione.

SaleCycle: il volume di traffico online nel settore e-commerce della moda nel 2020 a livello globale.
SaleCycle: il volume di traffico online nel settore e-commerce della moda nel 2020 a livello globale.

Volume totale di vendite nel settore e-commerce della moda

Secondo dati interni raccolti dal nostro team di ricerca, novembre risulta essere il mese più performante in termini di vendite online, macro e micro conversioni a livello globale. Questo trend è in linea con i maggiori volumi di traffico generati dagli e-commerce di moda durante questo particolare periodo dell’anno. Ulteriori picchi di vendite sono poi registrati nei mesi di maggio e luglio in linea con l’arrivo dell’estate e la stagione dei festival.

SaleCycle: percentuale di vendite mensili nel settore e-commerce della moda nel 2020 a livello globale.
SaleCycle: percentuale di vendite mensili nel settore e-commerce della moda nel 2020 a livello globale.

Il valore medio degli ordini nel settore e-commerce della moda

I dati raccolti internamente dal nostro team di ricerca nel 2020/2021 dimostrano che il valore medio degli ordini nel settore e-commerce della moda corrisponde a 97,97$, con il settore e-commerce dell’alta moda che registra un valore medio degli ordini pari a 272,57$ e quello del fast fashion a 79,70$.

Se poi suddividiamo per dispositivo il valore medio degli ordini registrato in ognuna delle tre categorie sopra menzionate, possiamo notare che questo KPI risulta essere maggiore da desktop. È possibile ricorrere a varie soluzioni e strumenti per incrementare il valore medio degli ordini nel settore e-commerce della moda. Per esempio, a partire dalla raccolta e analisi di dati sul comportamento di navigazione e acquisto degli utenti, puoi pensare di inviare e-mail di cross-selling e upselling per incoraggiare gli utenti a finalizzare l’acquisto di ulteriori prodotti correlati, aumentando così il valore di ciascun carrello.

SaleCycle: il valore medio degli ordini nel settore e-commerce della moda nel 2020 a livello globale.
SaleCycle: il valore medio degli ordini nel settore e-commerce della moda nel 2020 a livello globale.
SaleCycle: il valore medio degli ordini per dispositivo nel settore e-commerce della moda nel 2020 a livello globale.
SaleCycle: il valore medio degli ordini per dispositivo nel settore e-commerce della moda nel 2020 a livello globale.

I tassi di abbandono del carrello nel settore e-commerce della moda

Tradizionalmente, il settore e-commerce della moda registrava tassi di abbandono del carrello più bassi rispetto ad altri settori del mercato di riferimento che generalmente monitoriamo. Tuttavia, in seguito ai cambiamenti nelle abitudini di acquisto causati dalla pandemia di Covid-19, il settore del retail è divenuto quello con i minori tassi di abbandono, probabilmente come conseguenza del trend per cui le persone acquistavano solamente i beni più essenziali, come i generi alimentari e i farmaci.

SaleCycle: tassi di abbandono del carrello nel settore e-commerce della moda nel 2020 a livello globale.
SaleCycle: tassi di abbandono del carrello nel settore e-commerce della moda nel 2020 a livello globale.

I vantaggi principali legati allo shopping online nel settore e-commerce della moda

Secondo un’indagine condotta da Rakuten – piattaforma specializzata in soluzioni di machine learning e intelligenza artificiale per monitorare e ottimizzare le performance dei siti e-commerce – vi sono svariate ragioni per cui le persone preferiscono fare shopping online. Il motivo principale è legato alla vasta scelta di prodotti. Tuttavia, è risaputo che un altro grande vantaggio si identifica con la presenza di una maggiore quantità di promozioni e offerte online, incluso l’utilizzo di codici sconto. Inoltre, gli utenti possono comparare svariati siti e prezzi allo stesso tempo nel corso della fase di ricerca.

Rakuten: i vantaggi principali legati allo shopping online nel settore e-commerce della moda.
Rakuten: i vantaggi principali legati allo shopping online nel settore e-commerce della moda.

I tassi di abbandono del carrello per dispositivo

Il maggior volume di traffico e vendite online proviene dai dispositivi mobili. Ciò si traduce in percentuali di abbandono leggermente più elevate da smartphone.

SaleCycle: i tassi di abbandono del carrello per dispositivo nel settore e-commerce della moda nel 2020 a livello globale.
SaleCycle: i tassi di abbandono del carrello per dispositivo nel settore e-commerce della moda nel 2020 a livello globale.

I tassi di conversione generati dall’e-mail marketing nel settore e-commerce della moda

Generalmente, le e-mail di marketing generano tassi di conversione maggiori nel settore e-commerce della moda rispetto ad altri mercati. Infatti, nel 2020 le percentuali di conversione generate dall’e-mail marketing sono state più elevate nel settore della moda rispetto al retail. Si tratta di un dato molto interessante, dal momento che, d’altro canto, il settore del retail ha registrato tassi di abbandono minori come conseguenza diretta della pandemia di Covid-19 sulle abitudini di acquisto.

SaleCycle: i KPI dell'e-mail marketing nel settore e-commerce della moda nel 2020 a livello globale.
SaleCycle: i KPI dell’e-mail marketing nel settore e-commerce della moda nel 2020 a livello globale.
SaleCycle: i KPI dell'e-mail marketing nel settore e-commerce del retail nel 2020 a livello globale.
SaleCycle: i KPI dell’e-mail marketing nel settore e-commerce del retail nel 2020 a livello globale.

L’e-mail marketing da dispositivo mobile vs da desktop nel settore e-commerce della moda

Grazie all’accesso immediato alla propria casella postale anche da dispositivo mobile con CTA e oggetti ottimizzati di conseguenza, i relativi KPI di engagement, come il tasso di clic e di apertura, risultano essere maggiori rispetto al desktop. Questo perché l’intenzione di acquisto degli utenti è più elevata da smartphone. Tuttavia, i tassi di conversione risultano ancora essere leggermente superiori da desktop.

SaleCycle: le performance dell'e-mail marketing a livello globale nel settore e-commerce della moda suddivise per dispositivo.
SaleCycle: le performance dell’e-mail marketing a livello globale nel settore e-commerce della moda suddivise per dispositivo.

IN CONCLUSIONE

Monitorare i trend e le statistiche relative al settore e-commerce della moda è un aspetto essenziale del processo di miglioramento della propria strategia di marketing e ottimizzazione del tasso di conversione.

Il comportamento e le abitudini di acquisto sono in continua evoluzione, soprattutto in seguito alla pandemia di Covid-19. Per questo è essenziale approfondire con costanza i dati relativi al proprio settore di attività.

Alcuni tra i più importanti cambiamenti degli ultimi anni si identificano con la transazione dallo shopping in-store a quello online e, soprattutto, da desktop a dispositivo mobile. Secondo dati raccolti internamente dal nostro team di ricerca, i tassi di aggiunta al carrello nel settore e-commerce della moda sono superiori da dispositivo mobile, mentre i tassi di conversione da desktop. Nonostante ciò, il divario nelle percentuali di conversione tra smartphone e desktop si sta riducendo sempre di più.

Per ulteriori dati interessanti, leggi il nostro articolo sui trend e statistiche del settore e-commerce registrati dal 2011 fino ad oggi.

Scopri come aumentare i tassi di conversione del tuo sito e-commerce.

Inserisci il tuo indirizzo e-mail nel campo sottostante e ti contatteremo per programmare una demo gratuita.

Novità

REPORT SU TREND E STATISTICHE DEL SETTORE E-COMMERCE DELLA LA MODA PER IL 2022

Approfondimento su insight, trend e statistiche relativi al settore e-commerce della moda a partire dal monitoraggio 71 066 497 conversioni e percorsi di acquisto online di oltre 150 clienti.

2021 Black Friday Ecommerce Strategy & Stats Report

Alice Larcher

Alice Larcher ricopre il ruolo di Inbound Marketing Specialist per il mercato italiano presso SaleCycle. Alice ha un background in branding, comunicazione e creazione di contenuti così come in interpretariato e traduzione di russo, francese, inglese e italiano. Ha lavorato come account manager nell’ambito della pubblicità sviluppando progetti ATL, digital e social per clienti di diversi settori come FMCG, GDO, elettronica, moda, cosmesi e viaggi. linkedin.com/in/alicelarcher/