Demo
Che cos’è la riprova sociale e come puoi utilizzarla nella tua strategia di marketing?

Che cos’è la riprova sociale e come puoi utilizzarla nella tua strategia di marketing?


CONDIVIDI

Twitter Share Link Facebook Share Link Linkedin Share Link

In questo articolo affronteremo l’importante tematica della riprova sociale e come puoi utilizzarla per rafforzare la tua strategia e-commerce e di ottimizzazione del tasso di conversione. La riprova sociale è un’efficace tattica di marketing per guidare e persuadere gli utenti del tuo sito web a performare determinate azioni, aumentando così il volume di vendite online e le micro conversioni.

Spesso, nella nostra vita di tutti i giorni, ci capita di ricorrere alla riprova sociale senza nemmeno rendercene conto. Per esempio, quando sei in vacanza e sei alla ricerca di un buon ristorante dove prenotare la tua cena, vi sono diversi aspetti che prendi in considerazione prima di selezionarne uno e prendere la tua decisione finale.

In questo caso, uno dei principali esempi di riprova sociale consiste nel controllare se altre persone hanno mangiato nel ristorante di tuo interesse. Un ristorante che è ben frequentato e ha una buona reputazione è sicuramente più attraente rispetto a un ristorante che sembra essere vuoto e poco conosciuto. Questa è proprio la psicologia alla base della riprova sociale.

Ora andiamo ad approfondire in che cosa consiste la riprova sociale così come svariati esempi in relazione al marketing digitale e all’e-commerce che puoi utilizzare a tuo vantaggio per far crescere il tuo business.

Che cos’è la riprova sociale?

La riprova sociale, in inglese social proof, è una delle leve persuasive più potenti per influenzare le decisioni d’acquisto degli utenti, nonché uno dei bias cognitivi più comuni. È il principio secondo il quale gli utenti tenderebbero a ritenere validi e ad omologarsi ai comportamenti tenuti da un elevato numero di persone.

Applicando questo principio ai comportamenti d’acquisto online, se un utente vede che un prodotto è stato acquistato ed apprezzato da un elevato numero di persone, sarà di sicuro molto propenso ad acquistarlo anche lui.

L’utilizzo della riprova sociale è una tecnica di comunicazione persuasiva che si ricollega a sua volta al principio di scarsità e alla teoria della reattanza psicologica. Come ci insegna Robert Cialdini, psicologo statunitense e professore di marketing, nel suo celebre libro Le Armi della Persuasione, il principio di scarsità in relazione alle vendite indica che i prodotti ci appaiono più desiderabili quando la loro disponibilità è limitata, nel tempo o nella quantità. La reattanza psicologica è quella spinta a cercare di ottenere e fare ciò che non si può. In pratica, più diventa difficile raggiungere un obiettivo, come acquistare un prodotto, e maggiore è il desiderio dell’utente. Anche se lo scarcity marketing non contribuisce a rendere il tuo prodotto migliore rispetto ai concorrenti, gli ottimi risultati che ci permette di ottenere lo rendono una potente strategia di ottimizzazione del tasso di conversione e aumento delle vendite.

Dunque, in un contesto digitale, la riprova sociale si traduce nel mostrare le opinioni e le azioni dei propri utenti così da influenzare il comportamento di navigazione e acquisto dei nuovi visitatori. Se utilizzata in modo strategico, la riprova sociale può essere molto efficace ed è una tattica a cui ricorre la maggior parte degli e-commerce come strumento di rassicurazione e incoraggiamento all’acquisto.

Proviamo ad applicare al marketing digitale l’esempio di riprova sociale in relazione alla scelta del ristorante menzionato all’inizio dell’articolo. Le persone che frequentano il ristorante corrisponderebbero alle recensioni online in quanto danno una dimostrazione del livello di ingaggio del consumatore. Studi recenti confermano l’importanza delle recensioni e dei feedback dei clienti nella generazione di new business. Infatti, i prodotti e i servizi accompagnati da recensioni tendono a generare una maggiore percentuale di vendite online.

Nel caso di un sito e-commerce, la riprova sociale è funzionale a rassicurare gli utenti riguardo le proprie decisioni di acquisto, facendo leva sul fatto che già altre persone hanno acquistato quei determinati prodotti o servizi in passato e ne sono rimaste soddisfatte.

Se utilizzata correttamente, la riprova sociale contribuisce a migliorare in modo significativo la tua strategia di marketing. Andando a sottolineare la popolarità di un brand, prodotto o servizio sul sito tramite recensioni, sui canali social o attraverso le e-mail per il recupero dei carrelli abbandonati, le persone si sentiranno sicure della propria scelta di acquisto.

Prendiamo in considerazione un altro esempio tratto dalla nostra vita di tutti i giorni. È risaputo che gli artisti di strada tendono a riempire i propri cappelli o custodie per la chitarra con contanti o monete in modo da incoraggiare i passanti a lasciare delle piccole offerte a loro volta. Si tratta di una semplice tattica di riprova sociale. Così facendo, gli artisti di strada danno l’impressione che altre persone prima di loro abbiano lasciato dei piccoli contributi, incentivandoli ad agire di conseguenza.  

Esempio di riprova sociale.
Esempio di riprova sociale.

La riprova sociale e i principi di vicinanza e autorevolezza

Tuttavia, alle persone, non basta che una serie di individui compiano una determinata azione per esserne influenzati e convinti. Questo perché in relazione al tipo persona che ha compiuto quella specifica azione, cambia di conseguenza l’intensità e l’efficacia della riprova sociale. In linea generale, le categorie di individui con maggiore capacità di persuasione sono:

  • Amici e familiari (tendiamo a fidarci di più delle persone con cui abbiamo un rapporto più stretto)
  • Esperti del settore (come un esperto di marketing digitale che consiglia una determinata soluzione)
  • Celebrità e influencer (l’endorsement e il supporto di figure note e conosciute al pubblico ha solitamente più peso rispetto a quello di una persona “normale”)
  • Utenti generici (d’altro canto, tendiamo a fidarci anche del feedback e recensioni di persone “normali” come noi nelle quali possiamo identificarci maggiormente)
  • Il pensiero della massa (quando abbiamo la sensazione che qualcosa sia consumato o richiesto su larga scala tendiamo a pensare che sia migliore)

Questa suddivisione può però essere condizionata dai due principi di vicinanza e autorevolezza.

Il principio di vicinanza si basa sul presupposto che tendiamo a fidarci maggiormente delle persone che sono nella nostra stessa situazione in cui quindi ci identifichiamo di più. Secondo il principio di autorevolezza, invece, le persone che danno l’idea di essere esperti in ciò che fanno e dicono ci ispirano maggiore fiducia.

A volte, però, questi due principi si scontrano fra loro. Può capitare, per esempio, che un caro amico, con cui condividiamo molto in termini di interessi, ci dia un determinato consiglio su un prodotto o servizio, ma poi scopriamo tramite fonti più attendibili ed esperte di settore che il suo consiglio non era in realtà così valido. Dobbiamo quindi prestare attenzione a quello che leggiamo e che ci viene detto, verificandone sempre la relativa attendibilità e veridicità.

12 modalità di utilizzo della riprova sociale nella tua strategia di marketing

Vi sono diverse modalità di utilizzo della riprova sociale da parte dei siti e-commerce nella propria strategia di marketing. Di seguito riportiamo alcuni esempi e tattiche che ti aiuteranno a incrementare il volume di conversioni e di vendite online, così come il livello di engagement. Aumentare la visibilità online della tua azienda, mettendo i tuoi prodotti e servizi in primo piano, contribuirà a ottimizzare il tuo ROI sul lungo termine, andando quindi a confermare l’importanza della riprova sociale nella generazione di vendite e new business.

Recensioni e voti dei clienti

Le recensioni rappresentano una delle modalità più tradizionali per rafforzare la riprova sociale online. Preferiresti comprare un computer che ha migliaia di recensioni positive oppure uno che ne ha zero? La risposta la conosciamo. A tal proposito, secondo l’Online Review Survey di Review Trackers, – agenzia americana che si occupa di fornire soluzioni tecnologiche per aumentare la riprova sociale delle aziende  – il 63,6% degli utenti controlla le recensioni delle schede di Goolge My Business prima di prendere una decisione, il 94% dichiara che una recensione negativa letta online ha fatto loro cambiare idea riguardo a un acquisto e l’80% degli utenti si fida solo se l’azienda o il brand in questione ha un punteggio pari o superiore alle 4 stelle.

Integrare sul proprio sito recensioni e voti su prodotti e servizi così come sull’efficienza del tuo sito tramite widget e plug-in, i canali social oppure attraverso piattaforme come Trustpilot o G2 – che si occupano di raccogliere recensioni per le aziende aiutando così i consumatori a fare acquisti in sicurezza e in totale trasparenza – o il servizio di recensioni di Google, ti permette di enfatizzare il rapporto di fiducia creatosi tra il tuo brand e i tuoi clienti, andando quindi ad aumentare il tasso di fidelizzazione e il volume di lead.

In questo esempio tratto da Amazon, gli elevati punteggi e la quantità delle recensioni (ben 49846) contribuiscono a rassicurare i potenziali acquirenti riguardo la qualità del prodotto in questione.

Amazon: recensioni e voti come tattica di riprova sociale.
Amazon: recensioni e voti come tattica di riprova sociale.

È inoltre importante mostrare recensioni dettagliate che includano quante più informazioni rilevanti per gli utenti, incoraggiandoli così a finalizzare l’acquisto.

Amazon: recensioni e voti come tattica di riprova sociale.
Amazon: recensioni e voti come tattica di riprova sociale.

Un altro esempio è costituito dal sito di viaggi Clic Travel, il quale utilizza Trustpilot come piattaforma per raccogliere le recensioni dei propri clienti per fare lead generation, e, allo stesso tempo, per aumentare il tasso di fidelizzazione, incoraggiando così altri utenti a voler sperimentare lo stesso eccellente servizio.

Clic Travel: utilizzo di Trustpilot come tattica di riprova sociale.
Clic Travel: utilizzo di Trustpilot come tattica di riprova sociale.

Oltre a piattaforme come Trustpilot o il servizio di recensioni di Google, un’ulteriore modalità per raccogliere feedback e opinioni dai propri clienti è costituita dall’utilizzo di questionari direttamente sul proprio sito oppure inviati tramite e-mail.

Per esempio, per uno dei nostri clienti nel settore dei viaggi, nonché Virgin Holidays, abbiamo implementato una soluzione di remarketing on-site per la raccolta di feedback e riscontri da parte di clienti e utenti, così migliorare l’esperienza di acquisto e raccogliere recensioni utili per la propria strategia di riprova sociale.

SaleCycle per Virgin Holidays: questionari per la raccolta di feedback come tattica per aumentare la riprova sociale.
SaleCycle per Virgin Holidays: questionari per la raccolta di feedback come tattica per aumentare la riprova sociale.

Oltre che sul sito, puoi anche valutare di integrare le recensioni dei clienti nella tua strategia di e-mail o SMS per il recupero dei carrelli abbandonati, affermando così la tua credibilità e affidabilità di brand. Per esempio, Fat Face – uno dei retailer di moda più conosciuti in Inghilterra – ha incluso i voti e le recensioni lasciate dai clienti nelle proprie e-mail di remarketing, così da incoraggiare gli utenti a riprendere il percorso di acquisto da dove lo avevano interrotto, completando l’ordine.

Fat Face: voti e recensioni nelle e-mail di remarketing come tattica di riprova sociale.
Fat Face: voti e recensioni nelle e-mail di remarketing come tattica di riprova sociale.

UGC: User Generated Content

Una variante rispetto alle classiche recensioni scritte è rappresentata dall’utilizzo di User Generated Content, ovvero contenuti creati dagli utenti che usufruiscono dei tuoi prodotti e/o servizi.

Un esempio interessante è costituito da Kaft – retailer di moda e design di origine turca – il quale incoraggia i propri clienti a inviargli foto con indosso i capi acquistati che poi ripubblica sul proprio sito, conferendo un tocco di genuinità e spontaneità al brand e alla piattaforma. In questo modo, attraverso l’utilizzo di foto di clienti felici e soddisfatti, gli utenti sono intrigati e attirati dai prodotti del sito e contribuiranno a loro volta a nutrire questo senso di comunità acquistando gli articoli e inviando a loro volta foto e recensioni, aumentando così la riprova sociale. In aggiunta, Kaft offre un ulteriore incentivo per incrementare la riprova sociale e le vendite: se l’utente compra un prodotto e invia una foto, riceverà un codice sconto del 20%.

Kaft: UGC come tattica di riprova sociale.
Kaft: UGC come tattica di riprova sociale.

Le immagini di seguito sono mostrate in una pagina dedicata del sito di Kaft, così che gli utenti possano effettivamente vedere e capire come i capi di interesse vestano su delle “persone reali”, enfatizzando allo stesso tempo la soddisfazione dei clienti riguardo i propri acquisti, i quali ne sono rimasti così felici che hanno deciso addirittura di scattarsi e inviare foto al brand.

Kaft: UGC come tattica di riprova sociale.
Kaft: UGC come tattica di riprova sociale.

Case study e testimonianze dei clienti

Utilizzare le testimonianze di clienti a proprio vantaggio come tattica di riprova sociale online, contribuisce ad aumentare in modo significativo l’affidabilità e l’autorevolezza della tua azienda agli occhi degli utenti. Realizzare un case study oppure ottenere una testimonianza da un cliente che ha già utilizzato un tuo prodotto o servizio e ne è rimasto soddisfatto, ti permette di avere un vantaggio competitivo non indifferente. Questa tattica di riprova sociale risulta essere efficace anche perché gli utenti tendono a fidarsi maggiormente delle opinioni provenienti da fonti obiettive e disinteressate, piuttosto che di pubblicità o promozioni. A tal proposito, una ricerca condotta da Nielsen afferma che il 92% dei consumatori tende a ritenere più affidabili le raccomandazioni non retribuite di prodotti o servizi rispetto a qualsiasi altro tipo di pubblicità. Il nostro consiglio è quello di realizzare un’area dedicata sul tuo sito dove andare a raccogliere e mostrare tutti case study e le testimonianze dei tuoi clienti, così da renderli facilmente fruibili e accessibili agli utenti.

Sul nostro sito, per esempio, abbiamo dedicato un’intera area ai case study, aggiungendo anche citazioni e testimonianze da parte dei clienti.

SaleCycle: case study come tattica di riprova sociale.
SaleCycle: case study come tattica di riprova sociale.
SaleCycle: testimonianze dei clienti come tattica di riprova sociale.
SaleCycle: testimonianze dei clienti come tattica di riprova sociale.

Presenza e interazione sui canali social

Nel 2021 è ormai quasi scontato dire che è importante sviluppare la presenza della tua azienda anche sui canali social per aumentarne la riprova sociale. Ma te lo ripeteremo un’altra volta. I canali social sono di vitale importanza in quanto permettono alla tua strategia di marketing di affermarsi su tutti i touch-point digitali. Inoltre, sono un ottimo strumento per far leva sul cosiddetto fenomeno “FOMO” (Fear Of Missing Out), ovvero sulla cosiddetta mentalità di gregge e sul bisogno delle persone di essere sempre al corrente di tutto.

Per esempio, se la tua azienda ha molto seguito sui canali social con un elevato livello di engagement, interazioni e follower, il suo valore aumenta agli occhi del consumatore, il quale non vuole sentirsi escluso e desidererà di conseguenza far parte della tua comunità di utenti. Infatti, più alto è il numero di interazioni più l’interazione con quel contenuto apparirà come qualcosa che è giusto fare. I social media hanno sviluppato decine di modi diversi per fare leva sulla riprova sociale. Il più chiaro esempio è costituito dai widget di Facebook, che mostrano ciò che pensano altri amici riguardo a un annuncio o a un brand, o il fatto che il numero dei like e dei follower di un profilo siano messi in evidenza come controprova della sua importanza. Si tratta di un potente strumento di marketing. Il concetto implicito è in questi casi che la maggior parte delle persone inconsciamente apprezzano le cose che possono ricollegare a sé stesse in qualche maniera. Il successo dei social media e delle pubblicità che li usano è garantito proprio dal fatto che tendiamo ad avvalorare le opinioni di persone che percepiamo simili o coerenti con noi.

Clienti e utenti

Il numero e la tipologia di clienti e/o utenti di un’azienda B2B o B2C rappresentano un potente strumento per migliorare la tua riprova sociale online. Le persone, infatti, hanno la tendenza a desiderare di sentirsi parte di un gruppo o comunità. Sfrutta le statistiche raccolte sul tuo bacino d’utenza e utilizza questo tipo di informazioni come vantaggio competitivo e strumento per incoraggiare altri utenti a diventar parte della tua realtà e provare i tuoi prodotti. Per esempio, per le aziende B2B come la nostra, è importante mostrare con quali clienti collaborano inserendo i relativi loghi sul proprio sito e nelle comunicazioni di marketing, così da aumentare la credibilità e autorevolezza della tua azienda agli occhi degli utenti.

SaleCycle: indicazione dei clienti come tattica di riprova sociale.
SaleCycle: indicazione dei clienti come tattica di riprova sociale.

Dati e statistiche

I dati e le statistiche raccolti sul comportamento di navigazione e acquisto dei clienti possono essere utilizzati come uno strumento di riprova sociale. A tal proposito, puoi pensare di ricorrere ai live trend di prodotto, nonché gli aggiornamenti sui prodotti disponibili in tempo reale, i quali sono funzionali a mostrare ai visitatori di un sito informazioni utili che possono aiutarli a prendere una decisione in merito a un acquisto, oltre che a creare un senso di urgenza finalizzato a ottimizzare il tasso di conversione.

I dati riguardanti i live trend di prodotto vengono usati generalmente per mostrare la popolarità e la disponibilità di un prodotto e rappresentano una tattica di scarcity marketing che sfrutta appunto il senso di scarsità e urgenza creato attorno a un prodotto, dipingendolo come raro ed esclusivo e aumentando, di conseguenza, il suo valore agli occhi del consumatore. Si tratta di una strategia che fa leva sul fenomeno “FOMO” (acronimo di “Fear Of Missing Out”). È sicuramente una soluzione efficace da integrare nella propria strategia di ottimizzazione del tasso di conversione.

EasyJet, per esempio, utilizza questa tecnica in modo strategico, la quale risulta essere efficace per il settore dei viaggi in generale. Il sito riporta e mostra in tempo reale dati e statistiche riguardo il numero di persone che stanno guardando la stessa offerta, così come l’ultima volta che un utente ha prenotato un biglietto. Si tratta di una tattica di riprova sociale vincente in quanto gli utenti sono rassicurati dal fatto che molte altre persone sono interessate allo stesso prodotto e ciò si traduce in un’alta desiderabilità e qualità dell’articolo in questione.

EasyJet: live trend di prodotto come tattica di riprova sociale.
EasyJet: live trend di prodotto come tattica di riprova sociale.

Per uno dei nostri clienti nel settore dei viaggi, ovvero TAP Portugal, abbiamo implementato la soluzione di remarketing dei live trend di prodotto oltre che sul sito, come nell’esempio di Easy Jet, anche nelle e-mail di riepilogo dei prodotti visualizzati o abbandonati nel carrello. In questo modo, siamo andati a incrementare la riprova sociale e a ottimizzare il tasso di conversione.

SaleCycle per TAP Portugal: live trend di prodotto come tattica di riprova sociale.
SaleCycle per TAP Portugal: live trend di prodotto come tattica di riprova sociale.

Questo tipo di soluzione risulta essere efficace non solo per gli e-commerce di viaggi, ma per qualsiasi altro tipo di retailer. Per esempio, Zappos utilizza questa tecnica sul proprio sito per indicare la quantità disponibile del prodotto di interesse, creando così un senso di urgenza e spingendo l’utente a finalizzare immediatamente l’acquisto.

Zappos: live trend di prodotto come tattica di riprova sociale.
Zappos: live trend di prodotto come tattica di riprova sociale.

Si tratta di informazioni utili e rilevanti per gli utenti che contribuiscono a tenerlo sempre informato e al corrente sulla quantità di persone che stanno visualizzando o acquistando un determinato articolo al quale anche loro sono interessati.

Supporto di influencer, ambassador e celebrità

Un tipo di riprova sociale è quello che attribuisce importanza all’opinione di una voce esperta e credibile di un influencer, ambassador o blogger. Ma anche una celebrità, per quanto non esperta su un certo argomento, è in grado di attrarre comportamenti positivi da parte dell’audience. 

Anche qui entrano in gioco i principi di vicinanza e autorevolezza ma ha un ruolo importante anche l’effetto alone (“halo effect” in inglese): questo effetto stabilisce che la percezione generale positiva delle caratteristiche di alcuni individui determina la percezione positiva dell’individuo in generale. Questo accade appunto con gli influencer: una persona che segue costantemente e che apprezza un influencer sarà più portata a ritenere le sue opinioni affidabili e autorevoli su diversi ambiti. Gli ambassador, invece, sono tutte quei clienti soddisfatti che si sono trovati così bene con i prodotti e servizi di un determinato brand da volerlo addirittura consigliare proattivamente ad altri.

Gli influencer (e talvolta anche gli ambassador) ricevono un compenso in cambio della visibilità data a un certo brand, prodotto o servizio: per questo c’è una questione di trasparenza e genuinità della relazione tra testimonial e brand che è oggetto di importante discussione.

Per quanto riguarda le celebrità, abbiamo detto all’inizio dell’articolo che al parere di una celebrità viene dato un peso maggiore rispetto al parere di una persona ordinaria: da sempre, infatti, le pubblicità utilizzano i VIP come testimonial, cercando personalità che possano avvicinarsi alle preferenze ed esigenze del proprio target.Tuttavia, la situazione sta cambiando: uno studio condotto negli Stati Uniti ha rilevato come circa il 30% dei 14000 consumatori presi in esame siano inclini ad acquistare prodotti pubblicizzati da persone comuni, in quanto percepite maggiormente come genuine, sincere e disinteressate.

FAQs e assistenza clienti

La riprova sociale non consiste solo nel mostrare le entusiasmanti recensioni dei tuoi prodotti e servizi, ma anche nel dimostrare che il tuo brand risponde alle esigenze dei propri clienti per qualsiasi domanda o problema che si presenta. Sfrutta il tuo servizio clienti per identificare e rispondere alle domande più frequenti sui tuoi prodotti e servizi così da fornire assistenza immediata a tutti quegli utenti che condividono gli stessi dubbi.

DHL, per esempio, ha inserito una sezione di FAQs proprio nell’area di tracciamento della spedizione così da rassicurare i clienti dell’efficienze della relativa procedura.

DHL: FAQs e servizio clienti come tattica di riprova sociale.
DHL: FAQs e servizio clienti come tattica di riprova sociale.

Un’altra tecnica per migliorare il tuo servizio clienti e, di conseguenza, aumentare la riprova sociale, consiste nel fornire assistenza online durante il processo di acquisto, così da velocizzare il processo decisionale e togliere qualsiasi dubbio all’utente. Per esempio, per il nostro cliente MSC Crociere avevamo implementato direttamente sul sito una soluzione di pop-up di assistenza telefonica. I moduli di assistenza telefonica servono per dare supporto a quei clienti che hanno bisogno di aiuto per concludere un acquisto, proprio come farebbe un reale assistente di vendita, ricreando così l’esperienza in-store. Il 55% dei visitatori di un sito afferma di abbandonare il carrello perché non si sente sicuro o è indeciso. Se le persone non riescono a ricevere l’assistenza di cui hanno bisogno, finiranno quindi per lasciare il sito e svilupperanno un ricordo negativo nei confronti del brand, il che non gioverebbe alla tua strategia di riprova sociale. Ecco perché offrire assistenza al momento giusto, quando il cliente ne ha effettivamente bisogno, può aiutarti a ridurre i tassi di abbandono e a rafforzare la fidelizzazione dei clienti. Il 47% dei visitatori afferma, infatti, che ricevere assistenza dagli addetti preposti aumenta maggiormente la loro fiducia nei confronti di un brand e li incoraggia ad acquistare.

MSC Crociere: assistenza clienti come tattica di riprova sociale.
MSC Crociere: assistenza clienti come tattica di riprova sociale.

La sponsorizzazione da parte di terzi

Questa è una delle più antiche tattiche di riprova sociale per i marketer, ma ancora efficace. Come puoi far capire al tuo acquirente che i tuoi prodotti sono affidabili? Come menzionato precedentemente, un programma di marketing influencer e digital PR può aiutarti a mettere in evidenza questo aspetto. Puoi incorporare articoli di blog, case study o testimonianze di celebrità note del settore nelle pagine prodotto del tuo sito, oppure stabilire relazioni con giornali e magazine online da utilizzare come media partner per le tue pubblicazioni.

Un’alternativa potrebbe essere quella di collegare il tuo brand ad altre aziende di cui il tuo acquirente già si fida. Aggiungi sul suo sito i loghi di partnership, sponsorizzazioni, premi e articoli di giornale relativi alla tua azienda così da rendere il tuo brand appetibile e affidabile agli occhi degli utenti.

Sul sito di SaleCycle, per esempio, abbiamo dedicato una sezione ai nostri partner e sponsor così come un’area alle testate che hanno dedicato spazio ai nostri contenuti, rafforzando così la percezione positiva del nostro brand.

SaleCycle: partnership e sponsorizzazione da parte di terzi come tattica di riprova sociale.
SaleCycle: partnership e sponsorizzazione da parte di terzi come tattica di riprova sociale.
SaleCycle: partnership e sponsorizzazione da parte di terzi come tattica di riprova sociale.
SaleCycle: partnership e sponsorizzazione da parte di terzi come tattica di riprova sociale.

Badge e certificazioni

Un’altra modalità per aumentare la riprova sociale della tua azienda consiste nell’includere sul proprio sito tutti i riconoscimenti, premi e certificazioni come ulteriore prova di credibilità e di far parte di una comunità che riconosce e soddisfa determinati standard. Per questo siamo più portati a fidarci di un e-commerce con il bollino “Verified by Visa” per tutelarci da eventuali frodi oppure – se siamo particolarmente attenti all’ambiente – ad acquistare prodotti di brand che espongono le certificazioni ambientali a cui hanno aderito.

Best seller

Un’ulteriore tecnica per rafforzare la riprova sociale della tua azienda consiste nel mettere in evidenza sul tuo sito e-commerce i tuoi prodotti più venduti. Amazon, per esempio, ha dedicato un’intera sezione della piattaforma ai best seller di ogni categoria di prodotti venduti, così da incoraggiare l’acquisto da parte di tutti quegli utenti che non hanno esigenze troppo specifiche ma si fidano delle opinioni di persone che hanno già comprato il prodotto in questione.

Amazon: indicazione di best seller come tattica di riprova sociale.
Amazon: indicazione di best seller come tattica di riprova sociale.

Prodotti correlati

Per finire, una strategia efficace per aumentare la riprova sociale e le vendite online di cross-selling e upselling consiste nell’indicare quali prodotti correlati sono spesso comprati insieme dagli utenti. In questo modo, incoraggiamo gli utenti ad acquistare degli articoli aggiuntivi che inizialmente non avevano in mente di comprare. Anche in questo caso, possiamo considerare Amazon un esempio efficace.

Amazon: cross-selling e upselling come tattica di riprova sociale.
Amazon: cross-selling e upselling come tattica di riprova sociale.

IN CONCLUSIONE

Se utilizzata in modo strategico, la riprova sociale è un potente strumento per incrementare il tasso di conversione così come quello di fidealizzazione. È un aspetto che tuttavia va coltivato con pazienza e che si sviluppa nel corso del tempo. Devi lavorare duramente per ottenere recensioni e raccomandazioni positive. Sicuramente puoi riuscirci a partire da un servizio clienti ben strutturato che preveda soluzioni di assistenza nelle varie fasi del percorso di acquisto, così da incentivare le vendite.

Una volta che sei riuscito a costruire un database di clienti soddisfatti e felici di lasciare recensioni positivo riguardo la tua attività, vedrai con piacere che potrai utilizzare la riprova sociale per fare lead generation e ampliare il tuo bacino d’utenza.

Le soluzioni di riprova sociale diventano particolarmente efficaci se utilizzate durante i periodi promozionali più trafficati dell’anno, come il Black Friday e il Cyber Monday. Questo perché la maggiore quantità di traffico si traduce in più utenti esposti alle tue soluzioni di riprova sociale, come le recensioni, generando di conseguenza più micro conversioni. E il ciclo poi si ripete.  

Scopri come ottimizzare il tasso di conversione del tuo sito.

Inserisci il tuo indirizzo e-mail nel campo sottostante e ti contatteremo per programmare una demo gratuita.

Novità

Report su strategie e statistiche dell’e-commerce per il Black Friday 2021

Approfondimento su insight, trend e dati relativi al comportamento di navigazione e acquisto degli utenti prima, durante e dopo il Black Friday.

2021 Black Friday Ecommerce Strategy & Stats Report

Alice Larcher

Alice Larcher ricopre il ruolo di Inbound Marketing Specialist per il mercato italiano presso SaleCycle. Alice ha un background in branding, comunicazione e creazione di contenuti così come in interpretariato e traduzione di russo, francese, inglese e italiano. Ha lavorato come account manager nell’ambito della pubblicità sviluppando progetti ATL, digital e social per clienti di diversi settori come FMCG, GDO, elettronica, moda, cosmesi e viaggi. linkedin.com/in/alicelarcher/